InViaggi.it

Area Riservata

Escursioni Kenya

NOTA BENE: ESCURSIONI SOGGETTE A NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI
I prezzi pubblicati sono indicativi; i programmi potrebbero subire delle variazioni: dettagli ed ulteriori informazioni verranno comunicate dal nostro personale in loco.

safari e parchi

safari 2 giorni/1 notte - Tsavo Est, campo tendato/lodge quota adulti in pulmino 260euro, in jeep 290 euro circa

safari 1 giorni - Tsavo Est quota adulti 160 euro circa

safari 3 giorni/2 notti - Tsavo Est e Amboseli quota adulti 710 euro circa

safari 2 giorni/1 notte - Masai Mara, in aereo quota adulti 750 euro circa

safari 2 giorni/1 notte - Masai Mara, in aereo quota adulti 750 euro circa

 

Tsavo National Park

Lo Tsavo National Park si estende per circa 30.000 mq, lungo il confine sud dello stato, ed è il parco nazionale più grande del Kenya, oltre che una delle riserve naturali più preziose del mondo. Prima della sua costituzione, quest’area fu terra di caccia delle tribù dei Waliangulu e dei Kamba, che ancora oggi popolano la regione.

Tsavo Est teatro degli animali

Lo Tsavo Est occupa i 2/3 dello Tsavo, e copre un’area di oltre 21.800 kmq. Il paesaggio, prevalentemente pianeggiante, è quello tipico della savana africana caratterizzato da vegetazione erbosa, arbusti e alberi piuttosto rari; nel parco si trova l’altipiano di Yatta, circa 200 km di lunghezza, la più grande superficie lavica del mondo. Lo Tsavo est è attraversato dal fiume Galdana che, oltre ad essere fonte di vita per numerosi animali, forma un sistema di rapide chiamate Cascate Lugard. Lo Tsavo Est è un vero e proprio teatro di animali selvatici: gruppi di elefanti, giraffe, mandrie di bufali, leoni, ippopotami, coccodrilli, zebre, ghepardi, leopardi, iene, facoceri, dik dik, molte specie di antilopi come gli impala, i cudu e oltre 500 specie di uccelli. In alcuni casi è possibile avvistare il rinoceronte nero.

Tsavo Ovest terra di lava e cascate

Lo Tsavo Ovest con i suoi 9.065 kmq copre circa il 30% del territorio kenyota occupato dai parchi. Si estende dal Mtito Andei, lungo la strada Mombasa-Nairobi, fino al confine con la Tanzania ai piedi del Kilimangiaro, una delle maggiori attrazioni del parco. La particolarità del parco è la moltitudine di paesaggi: il territorio è prevalentemente montuoso e umido ma si trovano anche pianure alluvionali, savana, cime rocciose con boschi, foreste di acacia e palmeti lungo i fiumi. Nella zona sud-ovest del parco, al confine con la Tanzania, si trova il lago Jipe, alimentato dalle acque che confluiscono dal monte Kilimanjaro e dalle montagne del North Pare. Nella zona settentrionale del parco si trovano le sorgenti che dalle Chyulu Hills sgorgano formando delle piscine naturali. Popolano il parco animali acquatici, leoni, bufali, elefanti, leopardi, ghepardi, sciacalli, giraffe, zebre, antilopi, coccodrilli, dik dik, rinoceronti e oltre 600 specie di uccelli.

Amboseli National Park alla corte del Kilimanjaro

Situato a nord ovest del Kilimanjaro, al confine con la Tanzania, il Parco Nazionale Amboseli copre un’area di 392 kmq all’interno dell’ecosistema dell’Amboseli, esteso tra Kenya e Tanzania per oltre 3.000 kmq. Divenuto riserva nel 1968, fu dichiarato parco nazionale e nel 1991 Riserva della Biosfera dall’Unesco. L’Amboseli National Park include cinque diversi habitat: gli altipiani, le foreste di acacia, il bush, le paludi e gli acquitrini. Riveste parte del bacino, ormai secco, di un lago del pleistocene, dove si raccolgono le acque piovane durante le stagioni delle grandi piogge; durante la stagione secca, invece, vi si concentra la fauna selvaggia, per questo è divenuta una delle aree più apprezzate dai turisti. Nell’Amboseli National Park l’esperienza del safari è davvero indimenticabile, grazie all’ottima organizzazione delle riserve e allo spettacolo unico offerto dal Kilimanjaro, la più alta vetta del continente africano; è indubbiamente uno dei luoghi migliori dell’Africa in cui avvistare gli elefanti e fotografarli nella cornice naturale del Kilimanjaro. Il parco è popolato da bufali, ippopotami, uccelli d’acqua quali pellicani e oche del Nilo.

Masai Mara riserva faunistica l’emozione delle grandi migrazioni

Situata nella parte sud-occidentale del Kenya, a ridosso della Great Rift Valley (la grande fossa tettonica afro-asiatica), la Riserva Faunistica del Masai Mara forma un unico ecosistema con il Serengeti, il grande parco della Tanzania con il quale confina e del quale rispecchia il paesaggio, formato prevalentemente da savana e alberi di acacia. Istituita nel 1961, la riserva prende il nome dal fiume Mara che l’attraversa e dalla famosa popolazione Masai, popolo di allevatori nomadi. Il Masai Mara, che si estende per 1.500 kmq, rappresenta una delle destinazioni più popolari del Kenya: ogni anno oltre un milione e mezzo di animali migra nella riserva nel mese di luglio e vi rimane fino a novembre; uno spettacolo imperdibile è sicuramente la grande migrazione di gnu e zebre. Nella riserva vivono tutti i “big five” (leoni, leopardi, bufali, elefanti, rinoceronti), oltre 95 specie di mammiferi, anfibi, rettili ed oltre 400 specie di uccelli. In alcune aree si concentrano ippopotami, ghepardi, gazzelle, giraffe, antilopi, impala.

kenya

safari blu quota adulti 65 euro circa

Intera giornata dedicata al mare e al sole. Trasferimento a Watamu e partenza per il parco marino con barca con fondale di vetro. Sosta per lo snorkling e proseguimento per l’isola di Mida, lungo il tragitto sarà possibile ammirare una caratteristica foresta di mangrovie. Arrivati sull’isola sarà servito il pranzo a base di aragosta, pesce e crostacei; dopo pranzo relax in spiaggia e rientro in hotel nel tardo pomeriggio. Pranzo e bevande incluse. Giro in canoa ed acquisti esclusi.

Malindi city tour quota adulti 15 euro circa

Pomeriggio dedicato alla visita della cittadina di Malindi: la parte vecchia con le sue moschee, il mercato della frutta, la fabbrica del legno, le bancarelle della saponeria ed i vari negozietti di artigianato locale e souvenirs; tempo libero per lo shopping. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio.

Che Chale e isola di Robinson quota adulti 60 euro circa

Dodici chilometri a nord di Malindi, sorge il villaggio di Mamburi, borgo di pescatori sviluppatosi sulla grande spiaggia che unisce la “rive gauche” del fiume Sabaki alle saline di Ngomeni. La spiaggia dorata di Che Chale, con l’oceano selvaggio non protetto dalla barriera corallina, è il luogo ideale per rilassarsi a contatto con la natura e il mare, si avrà la possibilità di ammirare tantissime specie di uccelli tra cui aironi e fenicotteri rosa. Dopo aver attraversato la laguna a bordo di una caratteristica canoa, si raggiunge l'isola di Robinson per il pranzo a base di pesce presso un suggestivo ristorante. Bevande escluse al pasto. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio.

rovine di Gede quota adulti 40 euro circa

Passeggiata di mezza giornata attraverso le rovine di un’antica città araba-africana risalente al XIV secolo per ammirare i resti delle rovine dalle cisterne che alimentavano la città, la grande moschea ed altri edifici abitativi. Le rovine di Gede sono popolate da numerose scimmie cercotipe alle quali si potranno regalare delle banane. Scoperta soltanto poche decine di anni fa, la città di Gede si trova all’interno di una fittissima foresta formata da alberi maestosi tra i quali uno dei baobab più grandi di tutto il Kenya. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio.

Marafa – Hell's Kitchen quota adulti 45 euro circa

Dopo aver percorso un lungo tragitto suggestivo di grandi radure, villaggi e boschi d’acacia si arriva in un luogo spettacolare: il Canyon di Marafa. Denominato anche la Cucina del Diavolo, prende il suo nome da un’antica legenda che narra di una famiglia molto ricca che abitava in quella zona. Possedevano talmente tante mucche che utilizzavano il latte non solo per cibarsi ma anche per lavare i propri vestiti, irritato da tanto spreco Dio li fece sprofondare in questa gola conosciuta per le alte temperature chiamata appunto Cucina del Diavolo. Escursione incantevole per lo scenario surreale, assolutamente suggestivo il tramonto, momento in cui la terra sembra prendere fuoco. Rientro in hotel per le h.20:00 circa.

Credits

Progettazione e realizzazione del sito web, implementazione del CMS TourOp,
impaginazione automatica dei cataloghi PDF e cartacei:

PRAGMA2000

logo pragma200

www.pragma2000.com